» Home » Domande - Risposte   » Libro deglio ospiti    » Contatti  
Omelia MARIA SS. MADRE DI DIO del 1 Gennaio 2010

Registrazione parziale per problemi tecnici. TRASCRIZIONE NON INTEGRALE Le letture¸ ispirate più al capodanno che alla maternità di Maria¸ fanno riflettere sulla natura e sulla funzione delle religioni. Il primo punto su cui riflettere è il concetto di benedizione; il verbo benedire nella lingua ebraica non ha niente a che fare con la parola¸ rarissimamente si benedice con una parola¸ infatti anche qui c´è scritto: cosí benedirete gli israeliti e direte loro; non è il dire che benedice¸ perché la parola ebraica non ha alcun riferimento all´augurio verbale. La benedizione è una cosa molto più vitale¸ molto più profonda¸ ha a che fare con la feconditภcon l´operosità della vita; benedire significa avere forza vitale; quindi quando si legge che Dio benedice si intende dire che dà forza¸ dà vita¸ porta a compimento l´energia che ha immesso nella creazione. Nel racconto di Genesi 1 nei sette giorni vengono fatte tutte le cose con la parola e solo quando si arriva agli animali si dice che Dio li benedisse: siate fecondi¸ moltiplicatevi. Quindi la benedizione è la comunicazione che viene data alle creature superiori¸ perché riempiano la terra con la loro presenza¸ e la benedizione trova il suo compimento nell´uomo al quale si raccomanda: siate fecondi¸ riempite la terra¸ soggiogatela¸ calpestatela con i vostri piedi¸ che significa impadronitevi. Il primo verbo¸ siate fecondi¸ letteralmente significa fruttificate. Questa è la benedizione: ti do l´ordine¸ ma soprattutto ti do la grazia di essere capace di far fiorire l´umanità. Fare frutti è una metafora¸ che comprende non soltanto il generare figli¸ ma comprende tutta la capacità di ideare le forme che il mondo può assumere che sono caratteristiche dell´uomo. Ecco allora che la benedizione si adatta bene a tutti i capodanni¸ e a tutte le progettazioni del futuro che possono venire in mente all´uomo. Non è – buon anno – benedire¸ non è neanche fare il segno di croce¸ ma è – vivi¸ svegliati¸ fa¸ progetta -. La religione dovrebbe proprio essere intesa come questa capacità di promozione di tutte le energie positive dell´uomo. (manca la seconda parte)